Colloquio di lavoro: come fare una buona impressione.

Come trovare lavoro.

Scopri i nostri consigli per cercare
un nuovo lavoro, candidarti alle offerte
che ti interessano e lasciare il segno.

Hai mandato il tuo curriculum a un’azienda e sei finalmente riuscito a farti fissare un colloquio? Ecco i nostri consigli per affrontarlo al meglio, con tranquillità e sicurezza.

Non c'è mai una seconda occasione per fare una prima buona impressione, parola di Oscar Wilde. Per arrivare al colloquio preparati e sentirsi a proprio agio c’è una sola cosa da fare: allenarsi. Spesso la partita si gioca in pochi minuti e il modo in cui ci si presenta è fondamentale, fin da subito.

Prepararsi per il colloquio

Ecco i nostri consigli per affrontare al meglio l’incontro con il selezionatore e aumentare le chance di essere scelti.

  • Studia l’azienda
    Raccogli più informazioni possibili sul datore di lavoro: visita il sito web, dai un’occhiata ai profili social, informati sulla cultura aziendale e sugli aspetti finanziari. Arrivare al colloquio con un’idea chiara dell’azienda per cui si vuole lavorare denota interesse, curiosità e spirito d’iniziativa. Se sai già chi condurrà il colloquio puoi guardare il suo profilo Linkedin per capire chi ti troverai di fronte. 
  • Rileggi l’annuncio
    Quali sono le caratteristiche richieste? Che soft skill sono apprezzate? Su quali competenze è meglio mettere l’accento? Individua i punti chiave della figura professionale che l’azienda sta cercando: ti saranno utili per capire su quali aspetti mettere l’accento durante il colloquio.
  • Preparati alle domande del selezionatore
    Quello che il datore chiede, molto spesso, è prevedibile. Prova a immaginare quali domande farà. Prepara le risposte e allenati a esporle in modo chiaro e sintetico, in modo da lasciare il meno possibile al caso e all’improvvisazione.
  • Trova delle domande da fare al recruiter
    In ogni colloquio che si rispetti arriva il momento in cui il recruiter chiede: “Hai qualche domanda?”. Rispondi sempre di sì, chiedendo informazioni sull’azienda o sulla posizione per cui ti stai candidando. Queste domande servono a te, per capire meglio in che cosa consiste il lavoro, e al selezionatore, per valutare quanto sei interessato all’azienda.
  • Prepara il materiale da portare con te
    Fatti trovare pronto e porta al colloquio tutti i documenti che possono supportare la tua candidatura, come curriculum, portfolio e pubblicazioni. 
  • Scegli cosa indossare
    La prima impressione è importante e il modo in cui ti vesti ha un forte impatto. Non ci sono regole generali, l’importante è indossare abiti sobri, adatti alla società e al ruolo che vuoi ricoprire. Se ti proponi per un lavoro creativo, ad esempio, puoi vestirti in modo più informale rispetto a chi si propone per un ruolo impiegatizio. 

Come affrontare il colloquio di lavoro

  • Arriva in orario 
    La puntualità è fondamentale: non arrivare in ritardo e neanche troppo prima rispetto all’orario fissato. Informati in anticipo sulla sede in cui ti dovrai presentare e su come raggiungerla.
  • Fai capire cos’hai da offrire
    Sei lì per dare il tuo contributo all’azienda, non per elemosinare un lavoro. Cerca di essere propositivo: come ti presenti durante il colloquio riflette il modo in cui lavorerai dopo. 
  • Presta attenzione all’atteggiamento non verbale
    Sii te stesso, per quanto possibile, ed evita atteggiamenti artefatti. Gentilezza, stretta di mano decisa e un bel sorriso aiutano a gettare le basi per una relazione positiva. Essere emozionati è naturale, il selezionatore lo sa bene. 
  • Inizia il colloquio con il piede giusto
    Sono i momenti iniziali del colloquio a dare la prima impressione. “Parlami di te” e “Come mai qui?” sono domande volutamente generiche con lo scopo di metterti a tuo agio e farti esprimere liberamente. Prepara una presentazione breve e chiara, parlando per non più di 2 minuti alla volta.
  • Non mentire e non criticare mai ex datori di lavoro 
    Sii onesto e concentrati sugli aspetti positivi che ti hanno spinto a cambiare lavoro, senza menzionare quelli negativi. Puoi dire, ad esempio, di voler affrontare una sfida più stimolante e vicina ai tuoi obiettivi. Non parlare male dei tuoi precedenti datori di lavoro: il selezionatore può pensare che, un giorno, lo farai anche con la sua azienda.
  • Porta avanti la conversazione 
    Rispondi in maniera concisa e parla al tuo interlocutore senza timore e con gentilezza. Non lasciare mai cadere il silenzio; porta avanti la conversazione in modo attivo, dimostrando interesse e facendo delle domande. Al termine del colloquio, manda una nota di ringraziamento: sarà apprezzata.

 

Questo Sito utilizza cookies, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di piu' clicca qui. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookies.